domenica 18 settembre 2022

Libro cubo

Mi chiedo, ma che ne so io, della vita degli  altri? 

  Per chi si sta chiedendo: "ma che razza di roba è?"  prego leggere  Libro cubo

Stavo vivendo una vita normalissima, ero interessato ad altre vite apparentemente normali; ero interessato alla solitudine di alcune persone e anche alla capacità di altri di convivere bene con il resto del mondo. Mi attirava la gente che vedevo intorno a me. Mi attirava il fatto che c'era gente che all'apparenza ti sembrava arresa a un'idea di vita molle, scontata, ma in realtà quell'idea ce l'avevi tu. Loro non si erano affatto arresi, loro vivevano una vita che non era per niente scontata.                                                                   (Una vita da mediano                             Ligabue)   

Non si finisce da nessuna parte così.                                                               Sarebbe tutto più semplice se non ti avessero inculcato questa storia del finire da qualche parte, se solo ti avessero insegnato, piuttosto, a essere felice rimanendo immobile. Tutte quelle storie sulla tua strada. Trovare la tua strada. Andare per la tua strada. Magari invece siamo fatti per vivere in una piazza, o in un giardino pubblico, fermi lì, a far passare la vita , magari siamo un crocicchio, il mondo ha bisogno che stiamo fermi, sarebbe un disastro se solo ce ne andassimo, a un certo punto, per la nostra strada, quale strada? sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto.                                                                                       (City                             Baricco)

                                      

12 commenti:

  1. Bellissima citazione,Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olga, felice di leggerti sempre.

      Elimina
  2. Chi l’ha stabilito che dobbiamo andare per forza da qualche parte ? La cultura, la società, un po’ la natura umana, noi umani siamo curiosi e desiderosi di spostarci, vedere altri luoghi. Alcuni hanno bisogno di muoversi, ma è una regola che non vale per tutti. Ci sono sempre le eccezioni, c’è chi la sua strada non la deve cercare semplicemente perché è già nel suo posto nel mondo. Buona giornata, Ester.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo ci sia un modo giusto per affrontare la vita, ma solo il modo che ognuno si sente di seguire.

      Elimina
  3. A me piacerebbe sapere cosa ha in testa l'uomo che è spuntato dal vicolo alla mia destra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai attenzione a cosa tiene in mano!

      Elimina
  4. Penso che ognuno di noi abbia il suo destino già tracciano sino dalla nascita poi ovviamente ci sono delle eccezioni o qualcosa di personale emotivamente forte che ci spinge verso mete sconosciute.
    Buona giornata e grazie per questo post

    RispondiElimina
  5. Riuscire a stare fermi mentre tutto scorre e corre veloce vuol dire viaggiare. E ci vuole anche un gran fisico.
    Al Baricco preferisco il più ruspante Ligabue, mi risuona meglio.
    Ciao Ester, preziosissimo il librocubo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho apprezzato entrambi i testi; diversi nello stile, certamente, ma ottimi racconti di vita.

      Elimina
  6. Meraviglioso Baricco..e felice che sia uscito dal suo personalissimo incubo (leucemia), ora attendo un romanzo pazzesco..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto anch'io un nuovo testo di Baricco, mi piace un sacco leggerlo.

      Elimina

Vuoi lasciare un commento e non sei registrata/o? 1. Scrivi il tuo commento e poi il tuo nome 2.Scegli ANONIMO dal menù a tendina. 3. Clicca su PUBBLICA. Grazie!